sabato 15 agosto 2020   
  Cerca  
 
Registrazione  Login  
Blog  
      

Come usare il blog

Il Blog di Marco Wong è uno spazio aperto per confronto e lo scambio di idee diretto. La vostra collaborazione ed il vostro spirito positivo ne determinano l'utilità e la concretezza e quindi il suo (e vostro) successo.

MarcoWong's Photo

Powered by TechnoratiAdd to Technorati Favorites

   
 Stampa   
 il blog    

Inviato da: Marco Wong
15/09/2006 9.48

Gli argomenti che tengono banco in questi giorni sono indiscutibilmente due: il viaggio di Romano Prodi in Cina, Telecom Italia e la polemica a distanza intercontinentale sui destini delle telecomunicazioni in Italia. Due temi che per me sono strettamente correlati, in quanto l’esperienza professionale in Cina che più mi ha caratterizzato sinora rimane quella della direzione di una joint venture in cui il socio italiano era proprio Telecom Italia.

Ed è per questo motivo mi sento di affermare con convinzione che l’Italia non è in ritardo in Cina, ma è stata spesso disinteressata. Nel caso per esempio di quella azienda del gruppo Telecom che costituii in Cina nel 1997, la scelta strategica era stata infatti quella di entrare tra i primi grandi operatori nel mercato cinese delle telecomunicazioni, anche in assenza di un quadro regolatorio certo e quindi con la consapevolezza di rischi molto elevati da affrontare.

Molti di questi rischi sono poi diventati realtà, rendendo la gestione dell’azienda molto difficile e dovendo pure passare per la vendita obbligata delle principali infrastrutture realizzate, ma quando finalmente, a seguito dell’ingresso della Cina nel WTO, furono definite le modalità per le partecipazioni straniere sul mercato delle telecomunicazioni cinesi, si prese la decisione di lasciare definitivamente il mercato cinese.

Sono passati circa dieci anni da allora, ed il panorama è profondamente diverso da allora. La Cina adesso è il più grande mercato di telefonia del mondo, la piccola rete cellulare che realizzammo serve adesso diversi milioni di persone, io non lavoro più per un’azienda italiana in Cina ma bensì per un’azienda cinese che si vuole espandere in Italia.

Penso a quel periodo come un’occasione persa, e per questo mi rimane sempre una punta di rimpianto. Ed è con questo rimpianto che posso dire che non sempre di ritardo si è trattato, ma di scelte strategiche.

 

Tags:

1 commenti...

Re: in Cina non siamo in ritardo, non ci siamo per scelta

Una testimonianza interessante. Grazie Marco.

Da Blau a   16/09/2006 19.48

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Search_Blog    
   
 Stampa   
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation